ARTICOLI

Feste Natalizie: non viverle come un peso



Incrementa la performance con la visualizzazione tecnica mentale


Come realizzare i propri sogni? La mente ci viene in aiuto!


Sport mentalist: come vincere con la mente


Lasciamoli crescere: analisi e pensieri di un settore che non cambia mai

 La strada per diventare un campione

Nello sci moderno la mente gioca un ruolo più importante della sola potenza fisica
 


Articoli redatti per il portale di Ciclismo 
WWW.GRANFONDONEWS.IT

                                       




     



        



Come realizzare i propri sogni? La mente ci viene in aiuto!

Saper esprimere emozioni forti da sommare alla tecnica pura è l’unica strada per accompagnare il lungo cammino per provare a superare i propri limiti, spesso mentali, cercando di essere realisti ed imparando ad essere consci del giusto rapporto: dote, stile di vita, logica, obiettivi.

La passione è tutto, senza passione si è ciechi nel futuro atletico.
I sogni sono l’anello che collega la visualizzazione (sogno) alla realtà (risultato meccanico e funzionale).

Quando si parla di passione si può scinderla in due classi :
-   passione per la meccanica (mezzo e oggettistica): materialismo.
-  passione per la salute corporea / mentale (longevità) per cui ricerca di un beneficio riflesso che dovrebbe dare sempre lo sport: benessere mentale.
 Questi due settori sono collegati, ma spesso mal interpretati nel loro realistico valore.

Umano è voler sempre tutto subito: siamo abituati in quest’era sempre più tecnologica e veloce a schiacciare un pulsante ed ottenere anni di ricerca e studi sia in forma materiale che letteraria. Purtroppo questo nello sport non paga mai, e non solo nello sport, ma anche nella salute, come sempre tento di comunicare ai miei clienti. Passano spesso anni prima che il nostro corpo/organismo si offenda e nel tentativo assoluto di salute ci porti in quello di instabilità; il sistema autonomo, la nostra grande macchina che regola il nostro b
enessere, si adatta agli stimoli, purtroppo anche a quelli che creano dolore.


  


Sport mentalist: come vincere con la mente

Se un atleta sogna, vede il futuro e lo delinea chiaramente; se i sogni sono incubi o il sogno è un momento che non esiste più da anni, tutta la scienza e la tecnica non porteranno mai al successo prefissato. Solo la mente può veramente essere il punto di forza per dare il massimo. Ma anche la mente va allenata e per questo si deve affidare allo sport mentalist. Capiamone qualcosa in più.

Apriamo un capitolo nuovo nell’approccio tra “tecnico e atleta”, visto che da anni è usanza affidare i blocchi mentali a persone (psicologi – sport mental coach) che cercano di ridurre ogni emozione negativa, giustamente riflesso sia in prestazione positiva che ahimè negativa, per trovare poi pace“mentale“ in una nuova programmazione per nuovi obiettivi .

Un’immagine innovativa per trasmettere a voi lettori della nostra rivista qualcosa, o meglio qualcuno, che sappia trasmettere sensazioni e riflettere le emozioni per capire quanto ci sia spesso di giusto e di logico, ma anche mancante nello stile di vita di uno sportivo, sia esso amatore o professionista.

                                        Cos'è lo sport mentalist?
     


conoscere_per_capire_

CONOSCERE PER CAPIRE
                      da www.sciaremag.it
Un allenamento che da dei frutti presuppone, non solo la conoscenza delle tecniche, bensì quella di sé stessi

L’orologio scorre veloce e ogni giorno, rincorrendo gli impegni familiari e lavorativi, è sempre più difficile trovare spazi opportuni da dedicare al nostro hobby, per trovare un giusto equilibrio tra tempo libero e allenamenti. In questi appuntamenti tecnici cercherò di portare nelle vostre «case» la mia esperienza, fornendovi degli input per i vostri futuri allenamenti al fine di sfruttare al meglio la PREPARAZIONE ATLETICA per lo sci con lo scopo di ottimizzare il risultato finale per ogni singola vostra carenza «tecnica» e di «salute». Preciso che ogni esperienza personale fatta in questi anni di preparatore atletico, non implica mai una regola  fissa, ma delle variabili da analizzare e considerare insite e adattate con ovvia cautela per ogni singolo soggetto considerando le necessità tecniche, posturali e fisiologiche. La vostra esperienza e la vostra passione, faranno la differenza nel fare diventare un «sistema allenante» utile.
   

lasciamoli_crescere_presentazione_Lasciamoli crescere: analisi e pensieri di un settore che non cambia mai

Alessandro e Luca Schiasselloni pronti al via di una granfondo 7 giugno 2013


Mi ha contattato alcune settimane fa l'amico Alessandro Schiasselloni. Lui è un preparatore atletico (non solo di ciclismo) e Sport Mentalist (ma di questo ne parleremo a tempo debito), che mi propose un argomento che destò la mia curiosità. Il ciclismo giovanile visto con gli occhi dei ragazzi che si avvicinano a questo spettacolare sport.
Alessandro prende parte alle granfondo, e con lui suo figlio Luca, giunto fino alla categoria Juniores che ha dovuto scegliere tra la laurea in Medicina e un ingresso in Under 23, stretto dalla strenua ricerca della prestazione che il ciclismo giovanile, oggi, impone.
E' una precisa analisi, mai noiosa, anzi, che stimola emozioni se poco poco ci si mette nei panni dei giovani.
Chi ha vissuto questo percorso condividerà, forse, le parole di Alessandro, chi come me ha iniziato ad andare in bicicletta a 30 anni, può imparare come sia complicato diventare un Ciclista.
E da qui, forse, capire anche perché tanti expro o dilettanti, alla fine giungano nelle granfondo.

Buona lettura a tutti... è un po' lungo, ma ne vale veramente la pena.
Enrico Cavallini - Direttore Granfondonews

     
                                                    Vai all'articolo......                                                


  Articolo redatto per la rivista www.sciaremag.it Sciare_Magazine_logo










Nello sci moderno la mente gioca un ruolo più importante della sola potenza fisica

Chissà quante volte vi sarete sentito urlare dal vostro allenatore: «Non hai la testa, concentrati di più!» Esclamazioni fin troppo ricorrenti nel pianeta sci ma anche nello sport in genere, specialmente dove il fattore tecnica ha una notevole percentuale ai fini della prestazione finale. Analizziamo lo sci globalmente per capirne le necessità atletiche......

    


la_regola_del_numero_UNO_presentazioneLe regole del "Numero Uno"

 La strada per diventare un campione

Questa settimana torniamo con la seconda parte dell'analisi già esposta la settimana scorsa nel,l'articolo Alessandro Schiasselloni, preparatore atletico e mental coach, andando a vedere come si dovrebbero creare dei Campioni plasmando gli atleti fin da giovani, ma che invece, in un vortice di ricerca del successo rapido e immediato, si bruciano sul nascere dei grandi talenti, che si ritrovano, ormai trentenni, a cercare un riscatto nel mondo delle granfondo.

                                La crescita e le regole del “Numero Uno“

Che cosa vuol dire crescita ? Facile direte voi!!

Siamo sicuri che la crescita sia la cultura di quanto noi allenatori cerchiamo di tramandare anno dopo anno a chi si affida ai nostri “passati sportivi“ facendone logica per evitare  errori con un unico scopo:  arrivare al massimo del proprio “potenziale / genetico”.

Vincere a tutti i costi: parametro che non ha bisogno di essere rappresentato oltre a quello che è  l’evoluzione di un concetto dove il primo è un Campione, il secondo che vede in mezzo copertone fallire una  fuga di 150 chilometri quasi  un fallito (lo sfigato di giornata) e il terzo che mai ce la farà!

     


                                          
    

Tell a Friend

DILLO AD UN'AMICO : grazie
                                   
 




  Site Map